Menu
Viaggi e non solo

8 segreti per lavorare come blogger mentre lavorate full-time

Lavorare come blogger

So che per molti potrà sembrare assurdo, ma lavorare come blogger non è per niente facile: ci vuole tanto impegno, fatica, sacrificio e soprattutto tanta costanza. Ed è proprio la costanza che vi consentirà, tra le altre cose, di lavorare come blogger mentre intraprendete altre attività lavorative full-time o part-time.

Vorrei dunque svelarvi 8 segreti che ho appreso e che sto mettendo in pratica nel mio ( per ora ) breve percorso di Travel Blogger ma che spero possano esservi utili per mettercela tutta e per avere successo!

8 segreti che vi aiuteranno a lavorare come blogger conciliando il vostro lavoro full-time

Travel Blogger in Italia

Diciamolo chiaramente, la sottoscritta ha deciso di avviare l’attività di Travel Blogger esattamente 8 mesi fa, quindi ciò che vi dirò si basa sulla mia breve esperienza, in cui ho avuto modo però di fare molta formazione e di apprendere tante cose. Di base sono una persona molto curiosa e cerco di imparare il prima possibile i trucchi del mestiere perché quando mi fisso che voglio fare qualcosa, devo farla a tutti i costi e nel migliore dei modi.

E così in questi mesi ho seguito dei corsi, ho letto centinaia di articoli, ho guardato numerosi tutorial, ho osservato attentamente il lavoro degli altri blogger e grazie a tutto ciò che ho appreso ho costruito con le mie mani il mio blog, nonostante le mie scarse – anzi scarsissime – conoscenze e competenze informatiche. Tutto ciò alternato a dei momenti in cui non lavoravo ( perché sono stata licenziata causa Covid19 ) a dei momenti in cui lavoravo quasi a tempo pieno e ora che lavoro invece part-time.

Ho fatto questa premessa per farvi capire che non parlo dall’alto di chissà quale esperienza, ma sono una semplice persona che ha deciso di avviare un blog qualche mese fa e che sta lavorando molto sodo per diventare una Travel Blogger a tutti gli effetti.

E siccome alcuni colleghi blogger mi chiedono come faccia a gestire tutto, dato che lavoro, ho deciso di scrivere questo blog post proprio per voi, che non avete idea di come organizzarvi e non siete sicuri di fare questo passo perché avete paura che vi manchi il tempo per conciliare tutti gli impegni.

Quindi ecco gli 8 segreti che magari ancora non sapete…

Impegno e costanza come base di partenza

Impegno e costanza per diventare blogger

Se non avete voglia di impegnarvi più di tanto, lasciate perdere e dedicatevi ad altro. Un blog richiede tantissimo impegno, tantissime ore di lavoro e tanti sacrifici.

Se pensate di aprire un blog per passatempo, allora nessun problema, potete scrivere quando vi avanza del tempo e quando vi aggrada. Ma se avete intenzione di aprire un blog e di diventare dei Travel Blogger di successo la COSTANZA non deve venire meno.

Pensate infatti che uno dei capisaldi della SEO – ossia la Search Engine Optimization, che sta ad indicare tutte le attività volte all’ottimizzazione di un sito web per migliorare il posizionamento dei propri articoli – è proprio la pubblicazione di almeno 3 articoli a settimana.

Se lavorando full-time non vi è proprio possibile pubblicarne 3 cercate di pubblicarne almeno 2, ma che siano però ben ottimizzati, così che riusciate a rendere visibile il vostro lavoro agli occhi dei motori di ricerca e in particolare di Google.

Sfruttate il weekend e la pausa pranzo

Lavorare come Blogger

Dato che avete un lavoro e non potete dedicare al blog tutta la vostra giornata dovete trovare il modo di scrivere i vostri articoli comunque. Dunque ogni minuto libero per voi sarà preziosissimo!

Io ad esempio, che al momento faccio la maestra di sostegno a scuola, gestisco il blog la mattina prima di andare al lavoro ( se necessario mi sveglio prima ), durante la pausa pranzo e spesso durante le ore buche direttamente a scuola. Porto sempre con me il mio pc e appena ho qualche ora libera, mi chiudo nell’aula professori e mi metto a scrivere.

Inoltre sfrutto sempre il weekend ( ad esempio questo articolo lo sto scrivendo di domenica pomeriggio ), la sera dopo cena e spesso anche in tarda sera/notte, se mi viene qualche idea geniale che ho bisogno di “buttare giù subito”.

Come vedete senza impegno e costanza non riuscirete a sacrificare il vostro tempo libero, quindi pensateci bene e chiedetevi se lavorare come blogger è davvero ciò che volete fare nella vostra vita!

Lavorare come blogger non frutta subito denaro

Far fruttare un business

Ho letto spesso tanti articoli che promettono guadagni facili, senza chissà quale impegno, ma vi posso assicurare che non è così o per lo meno io non ho ancora scoperto il fantomatico segreto per guadagnare senza fare un accidenti! 😀

Diffidate di chi vi promette guadagni facili, il blog cresce con il tempo, dunque ci vogliono mesi o addirittura anni per poter trasformare questa attività in un lavoro vero e proprio. Come potete pensare che qualcuno sia disposto a pagarvi se non avete ancora un discreto pubblico che vi legge? Non pensate che le aziende siano più interessate ad esempio a collaborare con blogger più influenti e che hanno migliaia di follower sui Social? E come si fa a diventare influenti? Con tanta costanza, impegno, determinazione e soprattutto con il tempo.

Io ad esempio non ho ancora guadagnato un centesimo e sono 8 mesi che lavoro giorno e notte per cercare di avviare la mia carriera come Travel Blogger, vi è chiaro quindi il discorso?

Tanti invece pensano di aprire un blog solo per fare soldi o pensando magari di viaggiare gratis, di ricevere prodotti in omaggio e simili.. Ci vuole tanto lavoro prima di poter monetizzare!

Fatevi supportare da un webmaster per ottimizzare i tempi

Blogging e webmaster

Se come me non siete dei mostri dell’informatica, potreste pensare di affidarvi ad un webmaster che possa aiutarvi almeno nella costruzione del sito, così da avere più tempo a disposizione per la creazione dei contenuti.

Nel mio caso, ho deciso di creare il mio blog da sola per tre motivi:

  1. Ho aperto il blog durante il primo lockdown, dunque avevo tanto tempo libero per “rompermi la testa” cercando di capire come fare;
  2. Quando ho aperto il blog ero praticamente agli sgoccioli perché stavo per rimanere senza lavoro, per cui non avevo del denaro da investire e mi sono dovuta arrangiare da sola;
  3. In ogni caso sono molto caparbia e mi sono impuntata che dovevo riuscirci da sola, per cui anche se qualcuno mi avesse offerto il suo aiuto senza pagare non avrei comunque accettato!

Chiaramente costruirsi un blog da soli ha dei vantaggi, poiché a furia di sbagliare, innervosirsi ed “imprecare” quando non si riesce a fare qualcosa, alla fin fine si impara ad utilizzarlo e sarà molto più semplice gestire il lavoro in completa autonomia nei mesi a venire.

Ma se vi ritrovate invece in una situazione in cui avete davvero pochissimo tempo, la costruzione del blog potrebbe portarvi via del tempo prezioso, quindi potreste pensare di investire parte del vostro stipendio per farvi supportare da un webmaster, così da utilizzare il vostro tempo libero solo per la stesura dei contenuti. Poi però vi consiglio comunque prima o poi di approfondire la vostra conoscenza sulla costruzione del blog, magari facendo qualche corso, perché è davvero importante sapersi arrangiare.

A proposito: se volete aprire un blog professionale non pensateci due volte e utilizzate sin da subito WordPress.org che è il migliore!

Programmate i vostri blog post

Lavorare come Blogger

Lavorando full-time magari non riuscite a pubblicare il vostro blog post quando vorreste. Non preoccupatevi, per ogni problema c’è una soluzione!

Su WordPress ad esempio, è possibile scrivere un articolo e programmare la pubblicazione dello stesso per una certa data e nell’ora che stabilite. Anche perché è consigliabile pubblicare durante il giorno, piuttosto che in tarda sera o di notte quando magari voi sareste liberi.

Io personalmente non utilizzo questo metodo perché lavorando part-time al momento riesco a gestire le pubblicazioni di mattina o di pomeriggio e perché dopo aver pubblicato vado subito a condividere il mio blog post sui Social e cerco di essere attiva nel caso in cui io riceva dei commenti o delle domande in merito a ciò che ho scritto. Se invece aveste necessità di programmare il blog post perché avete meno tempo di me, potreste programmare la pubblicazione di mattina per poi condividere il vostro articolo sui Social durante la pausa pranzo, momento in cui siete anche attivi e potete rispondere ai vostri followers.

Programmate i vostri post sui Social

Gestire i Social

Vi ho anticipato questo aspetto nel precedente paragrafo e forse avrete anche pensato: cosa c’entrano i social con il blog? C’entrano eccome, un blogger non potrebbe essere tale senza i Social. Mi spiego meglio. I social servono per veicolare il traffico del vostro blog ( o almeno in parte ), vi permettono di farvi conoscere e di crescere come figure professionali. Vi consentiranno di trovare delle persone realmente interessate al vostro blog, ai vostri contenuti e cominceranno a seguirvi perché vorranno sempre essere aggiornati.

I followers vogliono sapere tutto di voi e dovrete essere presenti costantemente. Vogliono conoscere il vostro pensiero, sentire la vostra voce, vedere le vostre fotografie, scoprire i vostri interessi e conoscervi davvero fino in fondo.

Chiaramente non potete esserci h24, per questo è possibile programmare i post grazie a delle app o a degli strumenti che vi consentiranno di pubblicare nel momento di maggior affluenza anche se voi non siete presenti. Per capire quando i vostri followers sono maggiormente attivi vi basterà controllare i dati statistici sui vostri profili Facebook e Instagram.

Personalmente, il sabato o la domenica, programmo sempre i post per la settimana successiva, sia per Facebook che per Instagram, così da avere già il lavoro pronto. Per programmare i post potete utilizzare i tool Business Suite oppure Creator Studio.

Organizzate i contenuti da pubblicare con largo anticipo

Organizzare il lavoro

Un consiglio che posso darvi è quello di cercare di essere più organizzati possibile per ottimizzare il tempo libero che avete a disposizione per lavorare come blogger.

Nello specifico è sempre una buona idea organizzare tutti i contenuti da scrivere e pubblicare sui post con largo anticipo, così quando vi trovate poi a scrivere o a creare un post non dovete pensare a cosa pubblicare.

Io mi ritaglio un sabato o una domenica per organizzare tutte le pubblicazioni del mese successivo, così decido già gli articoli da scrivere e in che giorni pubblicarli, valuto poi i post che voglio creare sui Social e decido quando postarli.

Per farlo utilizzo un’app che trovo davvero utilissima ed è un vero e proprio blocco appunti che potrete portare sempre con voi sul vostro cellulare o sul vostro pc e si chiama Evernote.

Ritagliatevi del tempo per la formazione

Lavorare come Blogger

Infine, anche se non avete molto tempo vi suggerisco di ritagliarvi qualche ora per fare formazione. E’ solo formandovi che crescerete e potrete lavorare come blogger e diventare dei veri professionisti.

Un libro da cui vi consiglio di partire per la vostra formazione è Professione Travel Blogger di Andrea Petroni, uno tra i cinque blogger migliori in Italia e ideatore del blog Vologratis.org. Andrea ha un blog incentrato sui viaggi low cost, è un grande professionista e tra le altre cose ha pubblicato questo libro che a me è stato molto utile per scoprire i trucchi del mestiere.

Un altro modo per fare formazione e ottimizzare il tempo è quello di acquistare dei video corsi, che potrete guardare a qualsiasi ora e ovunque vi troviate. Io in questo periodo ho acquistato diversi video corsi e sapete quando li sto seguendo? La mattina mentre faccio colazione e mi preparo per andare al lavoro! Quindi come vedete volendo è possibile ritagliarsi del tempo anche quando si pensa di non averne.

Spero con questo articolo di avervi dato dei buoni spunti per iniziare a lavorare come blogger e vi auguro che possiate avverare i vostri sogni!

Se avete altre domande non esitate a lasciare un commento qui sotto.

Selena Castoldi


Potrebbe interessarvi anche: Regali di Natale per viaggiatori: 22 idee super originali

2 Comments

  • Becky
    7 Dicembre 2020 at 15:09

    Tesoro bravissima!! Hai dato un’idea molto chiara dell’impegno e della dedizione che servono per fare di questa passione un vero lavoro!

    Reply
    • Selena Castoldi
      7 Dicembre 2020 at 15:18

      Grazie Becky!! Sono felicissima che sia trapelata quest’idea perché è esattamente quello che volevo comunicare con questo blog post 😀
      Buona giornata!
      Selena

      Reply

Leave a Reply