fbpx
Instagram | Tik Tok
Menu
Curiosità dal mondo / Nepal

9 curiosità sul Nepal da sapere prima di partire!

Curiosità Nepal

Anche tu prima di partire per un viaggio sei alla ricerca di qualche curiosità per iniziare a scoprire il paese che visiterai? Allora ti trovi nel posto giusto. In questo articolo potrai leggere ben 9 curiosità sul Nepal (alcune davvero bizzarre, te lo assicuro)!

Il fuso orario più bizzarro del mondo

Partiamo da una delle curiosità più bizzarre in Nepal, o per lo meno, una delle cose che mi hanno più sconvolto viaggiando nel Paese: il fuso orario.

Sostanzialmente il Nepal è 4.45 ore avanti rispetto all’Italia (durante l’ora solare). Ho trovato questi 45 minuti davvero bizzarri e soprattutto fastidiosi per l’organizzazione delle call di lavoro 😉

Perché questi 45 minuti? Parrebbe che sia un modo per differenziarsi dall’India, che invece è 4.30 ore avanti rispetto all’Italia. Ma sono solo voci di corridoio, prendile con le pinze…

Prima di partire non dimenticare di sottoscrivere un’assicurazione di viaggio. Qui c’è un link alla mia assicurazione di fiducia con uno sconto del 10% per i miei lettori.

I nepalesi vivono nel futuro

Curiosità Nepal

Non è uno scherzo, ma a tutti gli effetti è così. Praticamente i nepalesi seguono un altro calendario, ossia il Nepal Sambat, utilizzato dall’etnia dei Newa, un popolo che vive principalmente nella Valle di Kathmandu.

E secondo questo calendario in Nepal è il 2080!

Le strade sono quasi inesistenti

Trasporti in Nepal

Altra curiosità di cui ho parlato approfonditamente nella mia guida completa per organizzare un viaggio in Nepal riguarda la condizione delle strade nel Paese.

Al momento, la condizione delle strade è davvero critica: per lo più si viaggia su strade sterrate, in quanto quelle asfaltate sono in costruzione.

Va da sé che ogni spostamento risulta stancante e impegnativo: i tempi di percorrenza sono lunghissimi (6-7 ore per percorrere 150 km), oltre al fatto che si tratta principalmente di strade di montagna, per cui viaggerai con gente che vomita al tuo fianco e non è un granché. Se poi soffri di mal d’auto anche tu, aiuto!

Come risolvere il problema? Puoi optare per i voli domestici, in quanto il Paese ha numerosi aeroporti che collegano le città principali. In questo modo ammirerai splendidi paesaggi, ma preparati alle frequenti cancellazioni e ritardi dei voli, fanno parte della quotidianità.

Insomma, in Nepal ci vuole tanta pazienza per ogni spostamento, sappilo!

I numerosi rooftop di Kathmandu

Non so quali siano le tue aspettative pre-partenza, ma Kathmandu non è esattamente la città che immaginavo. L’ho sempre idealizzata come una città calma, intrisa di spiritualità, silenziosa. Invece non è esattamente così, l’impatto iniziale è stato a dir poco traumatico (te ne ho parlato in questo articolo).

Kathmandu si è rivelata tra le città più caotiche che ho visitato: fra le sue viuzze strette e anguste, si riversano un’infinità di persone a piedi e in motorino e avrai la sensazione di non avere spazio per camminare. E a tutti gli effetti è un po’ così, lo spazio è davvero limitato. Ma ci farai presto l’abitudine vedrai e imparerai ad apprezzarla così com’è. Una volta che ti abituerai, riuscirai a percepire la sua vera anima e la sua profonda spiritualità.

E a proposito di spazio, cosa fare quando manca? La soluzione è costruire in altezza, cosa che stanno facendo da anni a Kathmandu, motivo per il quale troverai numerosi rooftop in città!

Non so te, ma io amo poter mangiare o sorseggiare una bevanda ammirando la città dall’alto. Tra i miei preferiti ti consiglio il rooftop dello Studio16 Hotel o quello dell’Holiday Hostel (l’ostello in cui ho alloggiato io). Entrambi si trovano in centro a Kathmandu, nel quartiere di Thamel.

Le mucche sono sacre

Così come in India, le mucche sono considerate animali sacri e non si mangiano. Non è raro trovarle a passeggio sulla strada – proprio come i cani – o addirittura accovacciate a bordo strada, con una ciotola di acqua e cibo di fianco.

E bisogna prestare molta attenzione quando si guida: nel malaugurato caso di investimento di una mucca è previsto il carcere, esattamente come se fosse un omicidio di una persona!

In Nepal si sputa continuamente

So che per noi italiani questa pratica è considerata davvero disgustosa, ma in Nepal dovrai farci presto l’abitudine, in quanto i nepalesi sputano in continuazione.

Se hai già viaggiato in Asia probabilmente la cosa non ti stupirà troppo, sputare in Asia è normale. Ma qui in Nepal ammetto di essere rimasta molto colpita, in quanto è una pratica decisamente più diffusa rispetto ad altri Paesi.

Ricordati sempre che sei un ospite e che dovrai accettare usi, costumi e abitudini diversi dai tuoi, per cui non giudicare male ciò che è differente!

Namasté e si parte con il piede giusto

Nepal curiosità

Anche in Nepal, così come nella vicina India, si saluta con Namasté che significa “mi inchino alla divinità che è in te”.

Io trovo che questo saluto sia bellissimo e diffonde pace, spiritualità e serenità in chi lo riceve. Inoltre, è un modo per dimostrare rispetto per le tradizioni locali, mischiandosi al popolo e svestendosi dalla classica veste di turista di passaggio.

Per cui, una volta che metterai piede in Nepal dimenticati il classico “Hello” e saluta sempre con un bel “Namasté”.

Acqua calda nei locali

Tra le curiosità che mi hanno colpito di più in Nepal c’è anche questa. Nei locali viene spesso servito un bicchiere di acqua calda da bere, nonostante tu non l’abbia ordinato.

Va da sé che bere acqua calda sembra davvero strano e provando a chiedere spiegazioni tanti non mi hanno nemmeno saputo dire perché lo servono, ma per loro è normale farlo. Pare che sia un’abitudine legata al clima; difatti, l’acqua calda viene servita solo in inverno, per cui sembrerebbe un modo per scaldarsi.

In ogni caso, anche se all’inizio ti sembrerà strano, ci farai presto l’abitudine e anche questo diventerà un gesto piacevole per scaldarti e idratarti nell’attesa del piatto che hai ordinato al ristorante.

Taxi e non tuk-tuk

Kathmandu

Se l’Asia viene spesso identificata come il Continente dei tuk-tuk per antonomasia, diverso è in Nepal. Difatti, qui si utilizzano principalmente i taxi per spostarsi da una località all’altra o anche all’interno delle città.

Questo chiaramente scaturisce dalla conformazione geologica del territorio, in quanto si tratta di un paese di montagna, per cui i tuk-tuk sarebbero piuttosto scomodi e non utilizzabili nella maggior parte di luoghi.

Invece, in pieno centro a Kathmandu, oltre ai taxi, esistono dei simil tuk-tuk, che assomigliano più a dei risciò, in quanto sono proprio a pedali e non a motore.

Ti è stato utile questo articolo? Lascia un commento per farmi sapere se le informazioni ti sono state d’aiuto.

Se ancora non lo fai seguimi su InstagramFacebook e TikTok per non perderti altri consigli di viaggioIscriviti anche alla newsletter per rimanere in contatto con me!

No Comments

    Leave a Reply