Menu
Indonesia

Ubud, Bali, Indonesia: uno stato d’animo non una località

Ubud Bali

Non sono solita scrivere articoli di pancia. Se già mi conoscete, sapete che solitamente scrivo articoli di stampo informativo per dispensare suggerimenti utili e consigli sulla base delle mie esperienze di viaggio e delle competenze acquisite come Travel Designer. Ma con Ubud non ce la faccio proprio ad essere così imparziale: Ubud è stata il mio tuffo al cuore al mio arrivo a Bali, Ubud è un vero e proprio stato d’animo più che una semplice località.

Se cercate informazioni pratiche, questo non è l’articolo giusto per voi, passate oltre. Se invece volete anche solo minimamente comprendere cosa si prova a Ubud e perché può essere così struggente, continuate a leggere..

Dove ritrovare sé stessi a Bali: Ubud

Ubud Bali

Spesso mi capita di soffermarmi a ricordare il mio viaggio a Bali, il viaggio più intenso ed emozionante che ho fatto fino ad ora. Ricordo ciascun attimo trascorso, anche se sono passati oramai 3 anni e mezzo da quell’Agosto 2017. E ancora più spesso mi soffermo a ricordare Ubud e le emozioni provate proprio lì, dove ho lasciato il mio cuore.

So che può sembrare banale, ma io credo di aver lasciato davvero una parte del mio cuore a Ubud e ogni tanto ho la sensazione di immaginare me stessa ancora lì. Sento il profumo dell’aria che mi circonda, osservo i colori vividi della natura rigogliosa, rivedo le scimmie che mi saltellano addosso per cercare di afferrare qualcosa, percepisco la pioggerella che quasi tutte le sere rinfresca l’aria e rende così verde Ubud.

Non so se sogno o se son desta, ma vedo tutto ciò con i miei occhi..

Ripenso poi al mio caro amico Made, l’autista che mi ha accompagnato durante il mio soggiorno a Bali e che ha reso il mio viaggio così speciale.

Balinese People Bali

Ricordo ancora il primo giorno in cui è venuto a prendermi in hotel a Ubud; io avevo organizzato le mie giornate con suo fratello, ma quella mattina mi ha chiamato per dirmi che non si sentiva bene e io ero già sconvolta perché avevo pianificato tutto da mesi. Ma con assoluta tranquillità, mi ha comunicato che mi avrebbe mandato suo fratello Made a prendermi e che mi avrebbe accompagnato lui durante il mio soggiorno. E così quando è arrivato, sono salita in macchina con aria quasi diffidente. Perché sì, io non mi fido molto e ho sempre paura che la fregatura sia dietro l’angolo. Made invece, è stato uno dei regali più belli che Bali mi ha donato, un amico che ho il piacere di sentire spesso e che non vedo l’ora di tornare a trovare.

3 giorni lunghi una vita

Ubud Bali

Magari penserete che sono matta, ma non è importante ora. Il mio soggiorno a Ubud è durato solo 3 giorni, ma per me sono stati una vita. Una vita lunga solo 3 giorni? Sì, per me quei 3 giorni sono stati preziosi perché ho scoperto una nuova me, anzi forse la vera me.

In quei 3 giorni ho scoperto un ritmo più lento e meno frenetico. Ricordo intensamente quando di sera, prima di andare a letto, trascorrevo almeno un paio d’ore nella piscina privata del Gajah Biru Bungalows, grazioso hotel in cui ho soggiornato, e dopo aver fatto il bagno mi assopivo nel salottino esterno, proprio di fronte alla piscina, mentre la pioggerella scendeva silenziosa e io mi godevo la pace che mi attorniava avvolta dai cuscini e dal mio telo mare umido.

Gajah Biru Bungalows

3 giorni che mi hanno fatto riscoprire il valore dell’amicizia e dei legami veri. Ricordo ancora una cena condivisa allo stesso tavolo con degli estranei ed è stata una delle serate più belle e intense della mia vita. Il mio legame con Made poi e con tutte quelle splendide persone con le quali ho condiviso un briciolo di questa esperienza.

3 giorni di abbracci, sorrisi, carezze e affetto, che ora sembrano così impossibili. Erano i tempi in cui ci si poteva toccare, i tempi in cui si poteva scattare una fotografia gli uni vicino agli altri senza mascherina o senza aver paura di poter essere contagiati. Erano bei tempi, quelli prima del Covid19.

Tegallalang

3 giorni che mi hanno fatto innamorare ancora di più dell’Asia e che mi hanno fatto comprendere, ancora una volta, che i viaggi in Oriente sono al centro della mia vita e che non c’è nulla che io desideri di più.

Alcuni vi diranno che Ubud è ormai turistica, ma..

Tegallalang Rice Terraces

Spesso ho sentito dire che Ubud ormai è troppo turistica e non si percepisce più quell’aria di una volta, ma… evidentemente chi lo dice non l’ha vissuta davvero.

Non vi nascondo che arrivata a Ubud, sulla via del centro, sono rimasta sconvolta dal brulicare di gente e dal traffico causato da centinaia di motorini passare.

Ma basta guardare oltre il proprio naso. Spostandovi di qualche centinaio di metri dal centro, vi troverete tra quelle splendide risaie, immersi nei vostri pensieri, senza sentir volare una mosca.

Ubud è così e non c’è niente che valga più la pena a Bali. Non potete pensare di compiere un viaggio a Bali, senza aver soggiornato proprio a Ubud. Ora capite perché viene proprio considerata il cuore di Bali? Non c’è nulla di più vero, ve lo posso garantire e sapete che io dico sempre la verità.

Spero di essere riuscita a trasmettervi le mie emozioni e di avervi dato ispirazione.

Per tutte le informazioni dettagliate su Bali e Ubud, vi lascio i seguenti articoli da leggere:

Cosa vedere a Bali in 3 giorni? Il mio viaggio

Come spostarsi a Bali? Il miglior autista privato

5 hotel romantici a Ubud con piscina a sfioro

Dove dormire a Ubud? Al Gajah Biru Bungalows

Selena Castoldi

No Comments

    Leave a Reply